Roba da /dev/null... Ovvero: delirii su vita, informatica ed altro

martedì 22 settembre 2009

Tiè! Prrrrr!!!!

Il titolo di cui sopra è da leggersi accompagnato dal classico gesto dell'ombrello.

Nonostante io sia stata battezzata dietro "ricatto" dei miei nonni paterni, non sono mai stata credente. Anzi mi scrivevo da sola gli esoneri dall'ora di religione.

Purtroppo per tutti quelli in abito talare, non mi è mai riuscito di rimaner indifferente a tutte le cose dette dalla CEI e dal Vaticano allo scopo di incitare i politici a promulgare leggi palesemente "cattoliche".

In sintesi: più aprivo il giornale e più diventavo anticlericale.

Tanto valeva andare fino in fondo.

Questo è il risultato finale :)

Si ringrazia il sito della UAAR per tutte le informazioni in tal senso.

(Notare come per loro le "madrine" non esistano proprio. Cosa volevate da un clero profondamente maschilista, antifemminista e ipergerarchico?)

Comunque, ora posso anche mandarli serenamente a quel paese laddove necessario.

TUTTI gli esseri umani nascono atei. Sono gli "adulti" che li fanno "diventare" cattolici/musulmani/ebrei/buddisti, indottrinandoli in tal senso fin da piccoli.

10 commenti:

Cobra78 ha detto...

I miei più sinceri complimenti, un grandissimo gesto di coerenza che spesso non viene fatto anche banalmente per pigrizia.
Sono sinceramente colpito in positivo :)

The CyberDeaf ha detto...

Grazie, ma in questo caso la pigrizia non conta: ho avuto culo.
1) mio padre si ricordava ancora dove ero stata battezzata...
2) non avevo fatto altri sacramenti
3) non hanno fatto troppe storie (vuoi vedere che non sono stata la prima a chiedere 'ste cose?)

Ora devo capire come evitare di far vedere il mio ghigno soddisfatto a mio padre :) (lui diceva che non era possibile)

Cobra78 ha detto...

Quel che intendo è che c'è molta gente che non è nemmeno lontanamente credente, ma quasi per abitudine, per facciata o altro rimane bellamente battezzata e magari va in chiesa tutte le domeniche, una cosa che a mi disgusta profondamente; sinceramente nemmeno immaginavo si potesse fare, sei la prima persona di cui ho notizia che fa una cosa simile :P

Palin ha detto...

A quando un HOWTO passo passo? Potrebbe tornare utile :)

The CyberDeaf ha detto...

C'è già, sul sito della UAAR, al link subito sotto la scansione della lettera. :)

Nessuno ha detto...

Fico, c'e' anche la scomunica automatica. :)

The CyberDeaf ha detto...

Beh, non sono un'esperta di diritto canonico, ma da quel che ho capito uno la scomunica "di default" se la beccherebbe comunque semplicemente facendo atti "contrari" a quanto predicato dal cattolicesimo (come essere omosessuali, usare contraccettivi o abortire e altro che ora non mi viene in mente)...

In questo caso, la scomunica almeno è messa "nero su bianco" :)

Allen ha detto...

Sei UN mito :)

Anacarnil ha detto...

Beh, anche se la controparte è tipicamente ritrosa ad atti che dimostrano avversità al proprio credo, si tratta in fin dei conti di un atto burocratico come un cambio di residenza o presentare le dimissioni al lavoro. Conosco anche altre persone che cambiando fede, hanno compiuto quest'atto (spesso richiesto dalle nuove fedi/sette).

Una precisazione sulla scomunica: non è vero che essere omosessuali dichiarati comporti la scomunica; di fatti, si richiede loro l'astinenza sessuale. Se li ritenesse - di default - scomunicati, la Chiesa non potrebbe certo dirgli cosa fare...

Credo invece che il divorzio comporti scomunica automatica... poi ci sono i divorziati che fanno i politici che fanno la comunione e guidano partiti cattolici, ma questa è un'altra storia.

The CyberDeaf ha detto...

Grazie per le precisazioni sulla scomunica. Comunque sia, anche se effettivamente si tratta di un atto burocratico, devi ammettere che viene vissuto in maniera abbastanza "emotiva".
Ad esempio, mio padre penso sia ancora incazzato con me (!), tant'è che mi taccia di "intolleranza"... Vabbè che non ci sono state molte occasioni di parlarne faccia a faccia con calma con lui. Mia madre credo che riderebbe e basta :)