18 dicembre 2009

Non so che dire...

Stavolta è toccato a mio padre. :/ Che era il tipo che sperava di morire di qualcos'altro, non certo per una caduta da una scala più rovinosa del solito. (fate il presepe, ragà: è meno pericoloso.)

Davvero non so proprio cosa dire. Tutto quello che potevo dire l'avevo già detto riguardo mia madre due anni fa. Di lui posso solo aggiungere che, nonostante le serie differenze di vedute (almeno in ambito politico), ero comunque orgogliosa di averlo come padre.

Certo che pure lui forse si sarebbe messo a ridere a leggere, in uno dei telegrammi di condoglianze, della sua "immatura scomparsa"... Cioè, aveva 64 anni, eh.

P.S.: non offendetevi se ho disabilitato i commenti x questo post, ma proprio non ne posso più di condoglianze dappertutto.

Nessun commento:

Posta un commento

NOTA BENE: Se vi ostinate a commentare posts di un mese fa, scatta la moderazione (se non sono in vacanza, controllo quasi ogni giorno)... Ovviamente, se siete spammers vi cancello :)