8 febbraio 2009

Eluana, i cittadini e la "Repubblica pseudolaica"

Dichiaro qui, nella pienezza delle mie facoltà intellettive che:

  1. Non sono cattolica
    (a dire il vero non lo sono MAI stata e non lo voglio essere neanche in futuro)


  2. In caso di malattie terminali ed irreversibili:

    • NON voglio nessuna forma di accanimento terapeutico

    • NON voglio l'alimentazione+idratazione forzata

    • ESIGO l'utilizzo della terapia del dolore affinché il decorso della malattia sia meno doloroso possibile



  3. Il fatto che al governo ci sia gente che non condivide le MIE idee sul vivere e sul morire NON dà loro il diritto di decidere come io debba vivere ed affrontare eventuali malattie terminali, come io debba affrontare la morte. INDI ANDASSERO A FARE IN CULO.


Chiariamoci: ora come ora sto sana come un pesce (+ o -), ma la piega che sta prendendo tutto questo ambaradan mi preoccupa non poco. Cioè mi fanno MOLTA più paura questi politici/preti vermosi ed irrispettosi delle idee del SINGOLO individuo che l'idea di dover morire prima o poi.

Non ho paura di morire.

Ho molta più paura di diventare "schiava" o "emblema" a sostegno di idee ed ideologie e religioni NON MIE.

Che dite, se mi faccio tatuare da qualche parte sul corpo in forma abbreviata le tre cose suelencate magari mi salvo da questi esseri immondi e sciacallanti?

P.S.: Se interessa, qui potete sottoscrivere la vostra adesione alla decisione del Pres. Napolitano di NON firmare il decreto strombazzato da un certo nanerottolo amorale. Sperando che la maretta finisca e si inizi a pensare SERIAMENTE a una legge sul testamento biologico che NON sia spudoratamente un plagio di quanto detto/decretato dalla Chiesa Cattolica (che, torno a ripeterlo, NON rappresenta il 100% dei cittadini italiani!)

13 commenti:

  1. Sante, santissime parole.

    Una volta la religione era un'imposizione, poi è diventata una scelta, ora sta tornando un'imposizione.....

    RispondiElimina
  2. Hai sintetizzato quello che stavo cercando di far capire io :), ma non è tanto il tornare ad imporre il pensiero cattolico come pensiero dominante a farmi incazzare.

    Quel che veramente mi fa incazzare è il fatto che nessuno abbia capito come questa Chiesa Cattolica (e i suoi "seguaci") sotto sotto insulti continuamente e costantemente i cattolici credenti con la sua continua e reiterata MANCANZA DI FIDUCIA in essi e nella loro capacità di comprendere e seguire l'etica cattolica, chiedendo e pretendendo (ed ottenendo, come nel caso della 40) a gran voce leggi di matrice platealmente cattolica che confinino TUTTI i cittadini italiani (e non solo quelli che sono anche cattolici) all'interno di questo "pensiero cattolico"...

    A R G H.

    RispondiElimina
  3. Quoto, sottoscrivo e diffondo appieno.

    Mi sono strarotto le scatole di TUTTA questa situazione di accanimento mediatico/politico e di perbenismo finto e cinico.

    Lasciamola morire in pace e discutiamo una SERIA legge sul testamento biologico degno di un paese LAICO (cosa che la chiesa ancora NON HA CAPITO e accettato).

    MI sto sempre più convincendo che è il caso di cambiare paese, visto che non si riesce più a cambiare il paese...

    RispondiElimina
  4. La tentazione di cambiare paese è forte anche in me, ma non lo faccio.

    Quello che mi ferma è principalmente il pensiero che così facendo farei il gioco di chi vuole APPUNTO questo: far scappare via tutta la gente che ancora riesce a pensare, così rimangono con:
    - i cattolici credenti
    - i pecoroni che si son fatti spegnere il cervello dai media.
    - i disgraziati che purtroppo non possono permettersi di cambiar aria.
    - gli altri disgraziati che purtroppo non hanno voce in capitolo.
    - "i loro amici e gli amici dei loro amici"

    Preferisco rimanere e cercare di fare qualcosa anche io nel mio piccolo per fermare questa disumanità agghiacciante.

    RispondiElimina
  5. Ieri sera ho avuto un pensierino, o forse un'illusione: e se con la storia di Eluana, di punto in bianco cascasse il governo?
    Nel senso il duce ordina di non interrompere l'accanimento terapeutico, la schiera dei podestà si muove contro la clinica ed il personale medico ivi operante, questi non cedono, il corpo di Eluana raggiunge finalemnte il cervello morto 17 anni fa, duce luogotenenti e baciapile si litigano rimpallandosi la colpa ed il governo casca.
    Magari.

    RispondiElimina
  6. Ci ho pensato molto, poi mi sono decisa...

    Ho deciso che, ogniqualvolta uscirò di casa o dal lavoro, mi metterò un bel cartello con su scritto:

    "Sono italiana, ma... Non sono cattolica e non voglio esserlo! Vorrei leggi laiche in uno stato laico... POSSIAMO AVERLE?"

    Pigliatemi per pazza, se volete. Ma io sono veramente esasperata. E non credo che il solo partecipare alle manifestazioni o sottoscrivere appelli possa servire veramente a qualcosa.

    Questo è il genere di cose che vanno rammentate giorno dopo giorno, ora dopo ora, continuamente e costantemente.

    Mi auguro che altri possano trovare questa mia "genialata" qualcosa di fattibile.

    RispondiElimina
  7. X fede: non so se il governo cascherebbe o no, ma già vedo che per esempio Fini non sta messo molto bene riguardo le posizioni sue e quelle prese dal resto del "suo" partito, il quale ormai sembra seguire appecoronato il nanetto. Il che sinceramente mi ha confortato un POCHINO.

    RispondiElimina
  8. Secondo me Fini si sta rendendo conto che il nano vorrebbe rifare quello che ha fatto il duce... il guaio è che è molto più potente mediaticamente parlando e gli italiani con la memoria corta...

    Spero veramente di sbagliarmi, lo spero veramente...

    RispondiElimina
  9. Eluana è andata.
    La giustizia divina ha fatto il suo corso, alla facciazza di chi voleva fare di una disgrazia un simbolo.

    Per il resto sono d'accordo con Barbara.

    RispondiElimina
  10. Concordo con le tue idee e mi piacerebbe vivere in un paese dove la libertà di scelta sia reale e non solo sbandierata, purtroppo alla luce del referendum appena andato è chiaro che molte persone preferiscono spegnere il cervello e rischiare una dittatura, come io interpreto le dichiarazioni del caro falso padano, piuttosto che sprecare mezz'ora del proprio tempo per far capire cosa ne pensano di questi bei politici.
    P.S. Bello il sito complimenti.
    Ciao Mauro

    RispondiElimina
  11. Grazie mamo :)
    Io comunque sono ottimista: penso che prima o poi queste persone dal "cervello spento" si renderanno conto che sono stati solamente usati come limoni e che stare a 90° tutto questo tempo fa male non solo alla schiena ma anche alle terga!

    RispondiElimina
  12. Sono convinto anch'io ma il problema non è se ma quando. Potrebbe essere tardi...

    RispondiElimina
  13. A parte che non è mai troppo tardi per i cambiamenti, qui la questione base è: come ne usciremo?

    A me sta bene l'uscirne fuori malconci, ma con uno stato laico per davvero :)

    RispondiElimina

NOTA BENE: Se vi ostinate a commentare posts di un mese fa, scatta la moderazione (se non sono in vacanza, controllo quasi ogni giorno)... Ovviamente, se siete spammers vi cancello :)