12 ottobre 2006

"che vuol dire?"

Mabbene, l'ineffabile $direttore_utonto ritorna all'attacco. Dopo la prima email di questo genere, mi forwarda un'altra email tutta in inglese, con in cima soltanto la domanda di cui sopra. Forse sperava che glie lo spiegassi io.

Col cavolo.

Gli rispondo seraficamente che:"...a me pare abbastanza chiaro come contenuto..... ma da quand'è che devo leggere le email al posto tuo? Ma falle leggere alla tua segretaria..."

Si scazzicchia un poco:"ma che centra? $nome_segretaria certo non sa (a parte che è inglese) cosa vuol dire (e che si dovrebbe fare) you may need to copy and paste the URL into your browser visto che non lo so neanche io che un po' di più ne mastico. Vuol dire copiare/inserire questo indirizzo di pubblicazione nella mia pagina web?"

Finito di sghignazzare, gli spiego cosa vuol dire e alla fin fine gli dico che, anche se è normale non capire cosa voglia dire una frase gergale, tecnica, idiomatica e chiedere appunto ad altri e che io magari rispondo pure volentieri, non è tanto normale mandare una email intera chiedendo "che vuol dire"

Tiro in ballo per la seconda volta il povero Uri Geller (a pro, ma sarà ancora vivo??) proponendogli una sua assunzione in pianta stabile presso di noi o, in alternativa, l'invio dei SOLI paragrafi di difficile decrittazione. Che scegliesse lui.

...

...alla prossima email di questo genere dirò semplicemente "Non capisco neanche io, mi spiace. Prova a chiedere a $collega_fetente, magari lui te lo sa dire".

Tra parentesi, $collega_fetente è, teoricamente, il netadmin e deve ancora rispondere a una mia email relativa ad alcuni indirizzi IP che andavano verificati per esser certi che fossero veramente delle nostre sedi distaccate.

Nessun commento:

Posta un commento

NOTA BENE: Se vi ostinate a commentare posts di un mese fa, scatta la moderazione (se non sono in vacanza, controllo quasi ogni giorno)... Ovviamente, se siete spammers vi cancello :)