1 febbraio 2006

Felitroni e Barbagatti...

Sì, proprio barbagatti, come nel cartone animato di Barbapapà.

Non trovo nessun altra spiegazione a quello che ho visto stamattina, al momento di dare la pappa ai 2 felini.

Col che lui, pur restando stolidamente indifferente ai saluti affettuosamente espansivi della piccola felitrone (che ora si chiama Mini), insisteva nel volersi mangiare i suoi croccantini (talvolta snobbando la pappa a lui destinata, talvolta mangiandosela pure), m'ero dovuta ingegnare a sistemare con una cordicella la porta della stanza dove Mini si "rifugia" in modo tale che solo lei potesse entrare ed uscire. Confidavo nella visibile differenza di dimensioni.

Illusa che ero.

Stamattina avevo distribuito la colazione dei gatti nelle loro rispettive ciotole nelle loro rispettive stanze, poi m'ero messa a fare colazione, tutto l'ambaradan insomma. Ma, prima di uscire, dovevo ancora pulire le loro lettiere. Arrivo alla stanza di Mini, con la porta regolarmente socchiusa a dimensioni di felitrone, stacco la cordicella ed entro...

Tadaaan!



Trovo lui, il Barbagatto, col muso affondato nella ciotola del Felitrone e tutto intento a divorarsi i croccantini specifici per i mici dai 4 mesi in su. (pressappoco come se la mamma trovasse il padre che si divora a mezzanotte gli omogeneizzati del pargolo in via di svezzamento...)

Lo caccio fuori, rimproverandolo, rimetto altro cibo nella ciotola, pulisco la lettiera e rimetto la cordicella alla porta

E sto lì basita a guardare lo spiraglio della porta chiedendomi: "Ma come stracazzo ha fatto ad entrare?"

Ho continuato a chiedermelo fino all'arrivo in ufficio.

Stasera provo ad accorciare un altro pochino quella benedetta cordicella.

Nessun commento:

Posta un commento

NOTA BENE: Se vi ostinate a commentare posts di un mese fa, scatta la moderazione (se non sono in vacanza, controllo quasi ogni giorno)... Ovviamente, se siete spammers vi cancello :)